Differenze tra spool e reel 1

Spesso vengono confusi l’uno con l’altro, ma gli spool ed i reel sono due accessori subacquei ben definiti e diversi. Contrariamente a quanto si possa pensare possono essere utilizzati entrambi in acque libere o in ambiente chiuso ma in precise situazioni.


Spool

Come deve essere fatto un buon Spool?

La principale caratteristica è quella di avere una grossa apertura centrale, per permettere un facile ingresso delle dita, anche con guanti spessi o stagni. Uno spool deve inoltre avere lungo la circonferenza dei fori per permettere il facile clippaggio del moschettone doppia luce, un “must” da abbinare tanto agli spool quanto ai reel.

Gli spool vengono trovati in commercio in diversi materiali: in ABS, in alluminio, in Derlin o acciaio Inox e rispetto ai reel hanno un costo più contenuto.

Reel in alluminio diveevolution, molto pratici e leggeri.

Quando utilizzare uno spool?

Lo spool trova il suo principale scopo nell’utilizzo corretto del SMB o più volgarmente chiamato “pedagno”.

Rispetto al reel è molto più piccolo e compatto e quindi facilmente trasportabile nella tasca del compensatore d’assetto (GAV) o della muta stagna, eliminando qualsiasi rischio di perdita o impigliamento accidentale.

Lo spool è molto semplice da utilizzare e facilmente riponibile in tasca.

Di fatto la sua estrema semplicità permette un rapido sviluppo delle abilità del suo corretto utilizzo, ma a parte ciò, lo spool può essere utilizzato solo per brevi jump in ambienti chiusi.

Quanto deve essere lunga la sagola nello spool?

La lunghezza della sagola nello spool dipende dall’uso che ne fai nelle tue immersioni. Per esempio, se usate lo spool esclusivamente per lanciare il pedagno in superficie, la sua lunghezza deve essere contestualizzata alla profondità dell’immersione che effettui.

Se avete programmato un immersione a 45 metri è consigliato portarsi uno spool di 45 metri + il 10-20% di sagola in più. Il motivo principale è che il pedagno, gonfiato in profondità, non raggiungerà mai la superficie in maniera completamente verticale, ma sempre leggermente in diagonale, allungando la sagola necessaria al suo arrivo in superficie.

Consiglio sempre di portarsi con sé due spool, uno di 15 metri, (già armato di pedagno) e uno in base alla profondità massima pianificata.

Subacqueo si prepara a lanciare il pedagno collegato allo spool, le sagole di colore arancione fluo sono molto vistose.

Reel

Come deve essere un reel di qualità?

Un reel moderno deve essere compatto, ma allo stesso tempo trasportare più sagola possibile. Per definizione un reel deve essere un mulinello che permette un rapido e facile riavvolgimento della sagola. Spesso sono accompagnati da un piccolo freno per bloccare lo svolgimento della bobina. Solitamente sono costruiti in allumino anodizzato ma si possono trovare anche in derlin.

Rispetto agli spool, il reel negli anni ha avuto una evoluzione molto più diversificata.

I reel classici a maniglia sono probabilmente quelli più conosciuti, ma hanno perso appeal nel tempo a discapito dei più moderni e funzionali side-winder (maniglia e avvolgitore sono laterali).

Differenza tra un classico reel a maniglia (il primo da sinistra) e side-winder (il secondo ed il terzo).

Quando utilizzare un reel?

Il principale utilizzo del reel è durante la stesura di una sagola guida in grotta o in un relitto come linea principale o come “jump” di medie/grandi distanze.

Non è possibile riporre il reel in tasca e deve essere pertanto clippato ad un D-ring dell’imbrago del compensatore d’assetto, spesso si preferisce utilizzare quello posteriore, cosi che il reel rimanga “protetto” tra le cosce del Diver.

Il reel necessita di un maggior addestramento per un completo controllo in acqua.

Il reel può essere anche utilizzato in acque libere per fissare una boa segna sub dal fondale, ma uno spool può assolvere questo compito più velocemente. Diversamente, se è richiesto il continuo utilizzo della boa segna sub durante tutta l’immersione, allora il reel può essere sicuramente più comodo.

Tutte queste caratteristiche fanno si che il reel necessita di un approfondito sviluppo di abilità. Con un suo uso scorretto si può incorrere in pericolose situazioni come la perdita, l’impigliamento o ancora peggio “l’effetto nido di uccello”.

In un altro articolo approfondiremo il tipo di sagole presenti sul mercato e quale scegliere in base alle vostre esigenze!

One Comment

Trackbacks and Pingbacks

  1. […] >>Qui ho parlato della differenza tra spool e reel<<< […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *